punto

06

Lo scalone

Lo scalone in piperno che collega il vestibolo inferiore al piano nobile della nostra Villa è l’intuizione e l’innovazione più riuscita che apporta Luigi Vanvitelli al casino di campagna disegnato dal Gioffredo per Luzio Di Sangro.  Il risultato è un tripudio di equilibrata eleganza che spinge Vanvitelli ad ammettere che nemmeno nei cantieri reali sarebbe stato possibile raggiungere tali livelli di luminosità diffusa. L’intera area vestibolare inferiore viene ampliata per accogliere meglio non solo le premesse di prospettiva e simmetricità bisognose di revisione dovute alle manipolazioni del progetto gioffrediano, ma soprattutto l’inserimento dell’invaso a pian terreno nella partitura architettonica utile per esaltare la luminosità e i percorsi di luce. Salendo si può osservare che i finestroni delle scale vengono allargati e arretrati. Inseguendo gli elementi scenografici previsti nel canovaccio vanvitelliano, compaiono di lato ai finestroni reali due finte finestre che allargano i volumi con la tecnica del trompe l’oeil insieme ad inserti di festoni, ghirlande e conchiglie col fine di impreziosire la scena.

Ti trovi qui

Curiosità

  • Feature Item 1

    Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisi cing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut abore et dolore magna

  • Feature Item 2

    Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisi cing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut abore et dolore magna

  • Feature Item 3

    Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisi cing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut abore et dolore magna

Panoramica

Gli altri punti